INSTAGRAM, NUOVA FRONTIERA DEL SOCIAL MEDIA MARKETING?

instagram logoVuoi dare maggiore visibilità al tuo business? Vuoi avere un contatto più diretto con il mondo che ti circonda e ricevere feedback immediati riguardo alla tua attività? Vorresti utilizzare Instagram per far conoscere la tua azienda ma non sei sicuro della sua reale utilità? Ecco un post che ti spiega cosa è Instagram, quali sono i suoi vantaggi e qualche consiglio su come utilizzarla all’interno di una PMI, oltre ad una carrellata finale di applicazioni per aumentarne il reach.

COS’È INSTAGRAM?

Instagram è un’applicazione gratuita che permette di scattare foto dal proprio dispositivo e condividerle istantaneamente sulla piattaforma e su altri social network (Facebook, Flickr, Tumblr, ecc… ). Le foto, in forma quadrata, sono un chiaro omaggio che i due fondatori, Kevin Systrom e Mike Krieger, fanno alle Polaroid. Inizialmente disponibile solo su computer, l’app è stata lanciata nell’ottobre 2010; oggi è compatibile con qualsiasi dispositivo ed è stata recentemente acquistata da Mark Zuckerberg (co-fondatore di Facebook) per 1 miliardo di dollari.

CHI LA UTILIZZA?

utenti instagramÈ un tipo di applicazione che si indirizza alle categorie più diverse di utenti: si va dal più comune appassionato di fotografia che condivide i suoi scatti amatoriali, al fashion blogger che si fa fotografare durante gli eventi più glamour del momento, fino al brand internazionale che mette in vetrina i suoi prodotti migliori. Per catalizzare al meglio i propri sforzi di marketing, gli inserzionisti e i grandi brand tengono conto principalmente dei dati demografici relativi ai vari social network. Secondo le statistiche di GlobalWebIndex, gli utenti di Instagram, insieme a quelli di Youtube e Tumblr, sono in media tra più giovani, per la maggior parte in una fascia di età compresa tra i 16 e i 24 anni. Al contrario, Facebook e Twitter hanno un maggior numero di utenti di una fascia di età compresa tra i 25 e i 34 anni.

INSTAGRAM NELLE PMI

Quando oggi si parla di strategie di marketing online per una Piccola Media Impresa, non si può non riconoscere la  necessità dell’uso dei social network. I social media non solo permettono di avvicinarsi con più precisione al proprio target di clienti e osservarli più da vicino, ma permettono di interagire direttamente con loro: in questo modo l’azienda riesce a stabilire delle relazioni più vantaggiose e durature con i consumatori.Negli ultimi anni Instagram sembra essere diventato il vero must per il social media marketing, scavalcando anche i ben più noti Facebook e Twitter. Questo perché spesso una foto sa essere di gran lunga più evocativa e persuasiva di un semplice contenuto testuale. Inoltre, non è da sottovalutare il ruolo degli hashtag che danno una descrizione aggiuntiva all’immagine e le permettono di essere rintracciata e visualizzata da un maggior numero di utenti che non siano solamente i propri followers. In sostanza Instagram viene utilizzata dalle aziende che intendono accrescere la loro visibilità, la loro credibilità e i loro seguaci.  Ma in che modo le PMI possono sfruttare al meglio questa applicazione? Abbiamo identificato per voi 7 mosse vincenti:

presentazione instagram

 

1. Presentarsi: vale a dire scegliere un nome e un’immagine del profilo adeguati e facilmente riconoscibili da vecchi e nuovi amici. Inoltre Instagram da la possibilità di presentarsi in 150 caratteri, quindi è fondamentale scegliere un messaggio chiaro e al tempo stesso accattivante, soprattutto per l’utente che scopre per la prima volta la vostra azienda.

 

instagram prodotto

 

 

2. Mostrare i propri prodotti: Instagram può diventare un catalogo, una vetrina dei prodotti che una PMI offre: è importante scegliere delle foto che racchiudano al meglio l’essenza e le caratteristiche proprie del prodotto, oltre ad essere di buona qualità.

 

 

instagram prima-dopo

 

3. Mostrare il dietro le quinte: vale a dire come e dove vengono realizzati i prodotti, ad esempio con una serie di foto che rappresentano il prima, il durante e il dopo del lavoro. Ma non solo i prodotti. Anche le riunioni con lo staff o gli incontri con i clienti: è importante documentare e condividere quanto più possibile ciò che sta dietro un lavoro.

 

 

insta dipendenti

 

4. Far conoscere gli impiegati: è importante ricordare agli utenti che dietro al profilo Instagram ci sono delle persone reali, non un computer, ecco perché caricare foto dei dipendenti è una buona idea. Una foto mentre lavorano, mentre chiacchierano tra loro o mentre stanno pranzando. Questo permette di rafforzare il rapporto impresa/cliente e creare un sentimento di vicinanza.

 

 

insta ufficio

 

5. Mostrare l’ufficio: i followers non sono solo curiosi di conoscere le persone ma anche di sapere dove lavorano: come sono gli uffici, la loro disposizione, l’arredamento, ma soprattutto l’atmosfera dell’ambiente che si può spesso percepire già dall’immagine.

 

 

 

Instagram-contest-post2

 

6.Creare contenuti esclusivi: è importante che i propri seguaci si sentano speciali e informarli in anteprima su una novità è un ottimo modo per farlo. Inoltre creare dei contest con dei premi in palio, chiedendo magari di condividere una foto con un particolare hashtag, è un’idea che riscuote molto successo.

 

insta animale

 

7. Dare spazio alle emozioni: per creare interesse non basta raccontare la quotidianità dell’ufficio o mettere in mostra i propri prodotti, è importante trasmettere felicità, senso di vicinanza e fiducia. Bisogna aumentare il contenuto emozionale delle foto per mettere in luce interessi comuni con l’utente. Una foto in compagnia dei propri animali domestici a spasso per l’ufficio ne è un esempio.

 

LA VERA NOVITA’: CAROUSEL ADS

Carousel-Image-Instagram-Image-1

 

 

 

 

 

Vedendo la sempre maggiore richiesta di informazioni da parte degli utenti circa le pubblicità di alcuni grandi brand presenti sulla piattaforma, a Marzo Instagram ha lanciato un nuovo format, chiamato Carousel Ads, che rappresenta una nuova frontiera dell’Instant Marketing. Due sono le novità:

  • La possibilità di caricare più immagini (un massimo di quattro, ma nessun video) nella stessa inserzione, visibili semplicemente facendo scorrere lateralmente la schermata.
  • La possibilità di inserire un link che rimanda all’esterno di Instagram, ad esempio al sito web dell’azienda.

Si tratta dunque di creare una vera e propria vetrina virtuale che può essere il punto di partenza per una campagna pubblicitaria misurabile in termini di click. I carousel ads non prevedono costi aggiuntivi per l’utente ma sono venduti su una base di mille stampe della campagna.I vantaggi di questo tipo di format sono sicuramente:

  • La maggiore flessibilità nell’uso della piattaforma;
  • L’aumento delle visualizzazioni del proprio sito internet e non solo del profilo Instagram, grazie al link disponibile alla fine della campagna;
  • La maggiore facilità nel valutare l’efficacia della propria campagna pubblicitaria;
  • La possibilità di definire un target preciso di utenti.

L’unico “svantaggio” per il momento è che questo nuovo format è disponibile solo per una serie di grandi brand selezionati…

OBIETTIVO: AUMENTARE I FOLLOWERS

Se il vostro obiettivo è quello di aumentare i vostri followers su Instagram, ecco una serie di applicazioni ed espedienti che vi potranno essere di aiuto:

  • Applicazioni:

app1

 

“5000 followers” vi permette di ricevere Like e nuovi followers solo dopo aver messo a vostra volta Like alle foto di altri utenti e aver guadagnato un certo numero di monete.

app2

 

“WowLikes” funziona con un procedimento molto simili a quello della applicazione “5000 followers”.

app3

 

“TagsforLikes” aumenta il numero di seguaci e di Like tramite l’aggiunta automatica di tag popolari alle vostre foto.

app4

 

“InstaFollowMe” per cui più persone decidete di seguire più utenti seguiranno voi.

 

  • Hashtag: esistono hashtag da aggiungere alle proprie foto che sono stati creati apposta per chiedere agli utenti di seguire il proprio profilo: ad esempio #followme, #like4like, #instadaily, #picoftheday. Ideale è anche utilizzare gli hashtag più popolari del momentoper rendere più visibili le proprie foto all’interno della piattaforma: ad esempio #love, #nice, #beautiful, #happy, #me.
  • Commenti: commentare il maggior numero di foto possibili può spingere gli altri utenti ad interessarsi a loro volta al vostro profilo.
  • Seguire: può sempre tornare utile seguire profili simili al vostro e in questo modo potrete allargare il giro delle conoscenze e avere maggiori probabilità di essere ricambiati.

CONCLUSIONI

Instagram è un’ulteriore dimostrazione che i social media sono strumenti fondamentali del marketing ma bisogna conoscerli a fondo per poterli utilizzare al massimo delle loro capacità ed ottenere di conseguenza dei risultati significativi. Il fatto che Instagram, come un qualunque altro social media, si sia dimostrato utile ad una realtà imprenditoriale, non significa che tutte le imprese ne possano trarre il medesimo vantaggio; tutto dipende dalle necessità dell’azienda in questione, dal tipo di servizio che offre, dal target a cui si riferisce e dagli obiettivi che si prefigge.

Annunci

MARKETING E INFOGRAFICA

In questo post su Marketing Bergamo spiegheremo come presentare dati e informazioni in maniera semplice e immediata, creando un’infografica personalizzata tramite l’utilizzo di una risorsa web gratuita

Negli ultimi anni, le infografiche hanno guadagnato crescente popolarità. Spesso infatti il marketing ha bisogno di comunicare concetti complessi e dati senza annoiare il lettore/visitatore con un testo troppo lungo e complesso, ed ecco che l’infografica viene in soccorso!

MA COSA S’INTENDE, NELLO SPECIFICO, QUANDO SI PARLA DI INFOGRAFICA?

Un’infografica è la rappresentazione in forma visiva di informazioni.

L’obiettivo è quindi usare elementi grafici per comunicare in modo logico e immediato.

Le infografiche per essere efficaci devono essere:

– Originali e, se appropriato divertenti, usando combinazioni colori ed elementi grafici interessanti

– Chiare: concetti e dati dovranno seguire un ordine logico

– Concise: includi solo le informazioni strettamente necessarie e riduci il testo al minimo

– Facilmente condivisibili: non dimenticare di aggiungere i link per condividere la tua infografica sui social network o via email, all’inizio e/o alla fine della tua pagina

Non c’è dubbio, creare infografiche richiede tempo ed energie, che saranno tuttavia ben spese perché aiuteranno senza dubbio a diversificare i contenuti del tuo sito, attirando l’interesse e l’attenzione dei tuoi lettori.

Un’infografica deve essere graficamente gradevole e dev’essere creata, pertanto, da un esperto di grafica, che non tutti gli operatori aziendali hanno sempre hanno a disposizione. Ma per quelli che non hanno le competenze o anche un software di progettazione avanzato, un nuovo sito chiamato Easel.ly potrebbe essere la soluzione giusta.

COME INIZIARE:

Per utilizzare Easel.ly è necessario effettuare una registrazione al sito, per permettere che i propri lavori vengano salvati, oppure accedere tramite i propri profili Facebook o Google +.
Easel.ly - login1EaselEasel.ly è un’applicazione web che permette di selezionare e rilasciare temi, sfondi, oggetti e testo sulla vostra tela per creare immagini. si può iniziare da zero con una tela bianca o  modificare un tema esistente. Tutti gli strumenti e gli oggetti grafici sono accessibili dalla barra dei menu Easel.ly.

marketing bergamo infografica
I TEMI

Easel.ly fornisce diverse decine di infografiche che si possono scegliere come modelli per iniziare.

In Easel.ly, fate clic sul pulsante Vhemes per aprire l’attuale collezione di temi e selezionarne uno da mettere sulla tela.

marketing infografica

 

Sulla barra dei menù c’è anche l’opzione cancella (clear) per pulire la tela e iniziare un nuovo progetto. Quando, invece, si vogliono eliminare un singolo testo o immagine inseriti si deve cliccare sulla figura del cestino che compare in alto a sinistra.

Easel.ly - delete

 

GLI OGGETTI

Con Easel.ly è possibile inserire nella propria infografica delle sagome (objects) di differenti generi: animali, cibo, natura, mappe… oppure delle figure più geometriche (shapes) come frecce, cerchi, rettangoli…

Easel.ly - oggettiI TESTI:

Inserire un testo in Easel.ly è molto semplice basta fare doppio click su TEXT ed inserire il proprio messaggio che può essere modificato in  carattere, dimensione, colore e formato.

Easel.ly - Text

I GRAFICI:

Cliccando sul tasto charts è possibile inserire grafici, trascinando sulla lavagna quello che si vuole utilizzare. Con un doppio click sul grafico scelto si possono modificare i valori dello stesso.

Easel.ly - grafici

 

INSERIRE IMMAGINI:

Con l’opzione upload è possibile inserire nell’infografica un’immagine differente rispetto a quelle proposte da Easel.ly. Basta cliccare su questo tasto, poi add files e scegliere l’immagine da caricare.

Easel.ly - add files

 

COME SALVARE:

Salvare l’infografica creata è molto semplice, basta cliccare sul tasto save ed eventualmente rinominare il file.

Easel.ly - save

 

 COME SCARICARE L’INFOGRAFICA CREATA:

Cliccando sul tasto download l’immagine verrà salvata sul computer. È possibile scegliere tre opzioni di salvataggio: in low quality, high quality oppure creare un documento PDF.

Easel.ly - download

 

Che dire, buona infografica a tutti :-)!

Pensieri sulla “Unique Selling Proposition”

Considerazioni di Marketing in libertà, sull’unicità

mucca verdeDiciamocelo: essere unici è il desiderio intrinseco di ognuno di noi. Vorremmo essere unici nello sport, unici sul lavoro, unici in amore, unici nella vita.

Ogni precetto della moderna non-religione ci costringe ad una tentazione dicotomica: essere unici eppure massificati, diversi ma uguali, acquirenti consapevoli ma spensierati.

E ne diventiamo talmente confusi che ragioniamo spesso attraverso il “comun sentire” piuttosto che con il dovuto raziocino manageriale.

Chi di noi non ha mai pensato “Il mio prodotto è diverso” … o ancora… “Il mio servizio è unico“… o per i più eruditi: la mia “Unique Selling Proposition è diversa“?

Certo, ci sono casi nei quali le caratteristiche intrinseche del prodotto/servizio permettono di lavorare su di una strategia di marketing basata sulla “Unique Selling Proposition“: ma ciò è ormai una situazione più unica che rara, soprattutto se parliamo di PMI, soprattutto se parliamo di business to business.

Eppure molti brief di progetto si basano ancora sulla valorizzazione di piccole modifiche incrementali che inseriscono il nostro prodotto/servizio in un gregge di differenze apparenti!

No, non preoccuparti lettore, non sto per venderti il mitico concetto della “mucca viola alla Godin“: la riflessione va oltre. Anche se possedessimo davvero un prodotto pari ad un ruminante purpureo, la “Unique Selling Proposition” rimarrebbe un concetto pre web, pre Cina, pre crisi, pre pensiero moderno. Insomma, una favola sbiadita.

Il punto è se effettivamente sia possibile differenziare un’azienda nel mercato, in un periodo storico nel quale la competizione, trasversalmente ai settori e ai mercati, è in grado in un modo o nell’altro di livellare la partita, e costringerci a ricominciare (N.d.r.: “noi del marketing”) in breve tempo da capo.

Ritorno al futuro

Ed ecco che il titolo di un film riporta tutto nella sua giusta dimensione: tornare ad un passato che ormai è il futuro, e cioé disilluderci rispetto alle potenzialità di prodotti e servizi che in fin dei conti, sono completamente sostituibili. E poi? Come rispondere alla necessità di emergere?

Una delle risposte che personalmente mi sono dato, come professionista del marketing, è legata al concetto di “rispetto“: forse datato, ma per me più che mai attuale. L’etimologia della parola è illuminante: deriva da respicere, e cioé avere riguardo, guardare ancora, indugiare, guardarsi indietro anche fisicamente.

Applicato al marketing significa semplicemente indugiare e guardare ancora per comprendere se i clienti, le persone, siano realmente interessati al nostro prodotto/servizio, e soprattutto come coltivare questo interesse.

E ancora un altro termine non utilizzato a caso: “coltivare” proprio perché una delle strade più promettenti del marketing moderno coniuga proprio il rispetto e la differenziazione. Sto parlando del green marketing e cioé dello studio di prodotti e servizi che danno per scontati i vecchi argomenti della “Unique Selling Proposition”, valorizzandoli con un bene superiore e cioé la salvaguardia della natura e del futuro in generale.

Ecco che “avere un prodotto unico” smette di essere un’ossessione, perché l’unicità viene trasmessa attraverso costrutti valoriali che travalicano le mere caratteristiche di prodotto (che diamo sempre per scontate, ovviamente).

Il futuro sono le mucche verdi? Chi vivrà, vedrà!